Fotografia come supporto alla terapia psicologica

La fotografia in psicologia, è uno strumento di gran beneficio. In Italia, se ne sente parlare da poco, mentre all'estero è uno strumento molto utilizzato soprattutto grazie agli studi di Judy Weiser.

Ci sono diversi modi di utilizzare la fotografia. Può essere usata come strumento per la comunicazione del proprio mondo interiore, soprattutto quando c'è una difficoltà a esprimere a parole le proprie emozioni e i propri stati interni. Si può usare in terapia in diversi modi, all'interno dei gruppi o nei progetti scolastici.

Nella terapia familiare e nella terza età

Nella terapia familiare viene spesso introdotta per permettere alla famiglia di presentarsi nel tempo e nei momenti più significativi della sua storia: matrimonio, nascita e adolescenza dei figli e così via e, analizzando le diverse foto, si possono notare eventuali alleanze o contrasti. A tal proposito è molto interessante il libro di Linda Berman "La fototerapia in psicologia clinica”.

Nel caso di persone anziane, serve per aiutarli a mantenere il contatto con la memoria. A questo proposito Ayres Marques Pinto ha fatto un lavoro davvero molto bello.

Il ruolo attivo del paziente

Ci sono diversi modi di usare la fotografia. Un modo, più attivo, può essere quello di invitare il paziente a produrre delle foto di sé nelle diverse fasi della terapia, nei disturbi legati all'immagine corporea, nelle anoressie e bulimie, ma anche per accettare il proprio corpo che cambia, per esempio, nelle donne in gravidanza o in menopausa.

La fotografia permette di migliorare la propria autostima e diversi studi hanno dimostrato l'efficacia, soprattutto, dell’autoritratto.

Medium artistico

Al di fuori della terapia può essere utilizzata come medium artistico, al pari delle altre Arti: si possono attivare dei gruppi in cui, attraverso le foto, si parla di sé favorendo l'interazione con gli altri e soprattutto un percorso di conoscenza di se stessi. 

Il progetto

L’interesse per questo argomento si  concretizzato in un progetto in collaborazione con il fotografo Marcello Melis, con il quale conduciamo un laboratorio espressivo-comunicativo e in un altro progetto con lo psicoanalista Attilio De Angelis e la psicoterapeuta Carmen Marrone, con i quali stiamo organizzando diversi gruppi utilizzando il medium fotografico con un fine conoscitivo e terapeutico.

La foto in questi diversi progetti, viene in generale, ma non solo, utilizzata:

? come fonte di stimolo per la conoscenza nella creazione di inziative per le scuole e di laboratori espressivi, dove la foto viene a essere usata come mezzo di comunicazione e di espressione delle proprie emozioni; 

? per obiettivi terapeutici, insiti in ogni laboratorio in cui si coniuga l'arte con la psicologia, considerando l'effetto catartico e conoscitivo di entrambe.

 

Floriana Di Giorgio
È psicologa esperta in psicodiagnosi e psicologia giuridica.
Ha iniziato a interessarsi del rapporto tra fotografia e psicologia casualmente,
per curiosità, rendendosi conto subito di quanto fosse terapeutica e così
è nata l’avventura, o meglio, la passione che si è unita al lavoro.
Non è fotografa professionale, ma la fotografia fa parte della sua vita
sin da quanto era bambina: le pellicole, la camera oscura, le foto in bianco e nero
l’hanno sempre affascinata e, con il padre fotografo, faceva foto. 
Non ha nozioni tecniche, se non qualcuna di derivazione paterna,
e ha sempre fotografato d'impatto. 

L'immagine "Stendo pensieri e parole al sole in attesa che si asciughino"
è di Floriana Di Giorgio.


Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  
http://fotografiaepsicologia.wordpress.com/

 

 

 

Bibliografia 

Berman L. La fototerapia in psicologia clinica. Edizioni Erickson. Trento, 1993.

Marques Pinto A. Il volto e la voce del tempo: Un ponte tra generazioni. La fotografia terapeutica in animazione. Associazione BLM – BrasiLeMarche. Ancona, 2005. http://sites.google.com/site/fototerapie/home/libro

Weiser J. PhotoTherapy Techniques: Exploring the Secrets of Personal Snapshots and Family Albums. PhotoTherapy Centre Press, 1993. http://www.phototherapy-centre.com/


 

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 12 Aprile 2012 15:24 )